VENICE GARDENS FOUNDATION RICEVE LA MENZIONE D’ONORE NELL’AMBITO DEL XXXVI PREMIO TORTA

logo premio Torta

Con una cerimonia tenutasi sabato 13 novembre 2021 nell’Aula Magna dell’Ateneo Veneto di Venezia, la Commissione composta da Paola Marini (Presidente), Gianmario Guidarelli, Maura Manzelle e Mauro Marzo per l’Ateneo Veneto, dai rappresentanti dell’Ordine degli Ingegneri della Città Metropolitana di Venezia e del Collegio degli Ingegneri della Provincia di Venezia ha assegnato il prestigioso XXXVI Premio “Pietro Torta”, per il restauro architettonico della Città Metropolitana di Venezia.

La Commissione giudicatrice, volendo dedicare un’attenzione particolare alla salvaguardia del patrimonio architettonico e artistico di Venezia dopo le acque alte eccezionali del novembre 2019, ha deliberato all’unanimità di assegnare il riconoscimento per l’anno 2021 alla Procuratoria di San Marco per la vastità, la complessità e la qualità degli interventi dedicati alla conservazione della Basilica di San Marco.

Menzione d’onore è stata assegnata invece alla Venice Gardens Foundation per il restauro dei Giardini Reali di San Marco, “per aver esteso l’azione di restauro al grande patrimonio dei giardini storici, a cominciare dai Giardini Reali di San Marco, recuperati all’ uso pubblico con competenza e passione, assumendosi altresì l’impegno ventennale della loro manutenzione, accompagnata da un’intensa attività di formazione, sensibilizzazione, valorizzazione, divulgazione.”

A ritirare la Menzione d’onore è stata la Presidente di Venice Gardens Foundation, Adele Re Rebaudengo.

Adele Re Rebaudengo menzione d'onore Premio Torta

 

Procuratie Vecchie: la nuova casa di The Human Safety Net. Esposizione Modello in scala

Procuratie Vecchie: la nuova casa di The Human Safety Net. Esposizione Modello in scala

Le Procuratie Vecchie in Piazza San Marco a Venezia riapriranno grazie a Generali nella primavera 2022, per la prima volta dopo 500 anni, dopo un restauro di cinque anni eseguito dallo studio David Chipperfield Architects Milan.
La ristrutturazione delle Procuratie Vecchie restituisce al suo autentico splendore uno dei più magnifici edifici di Venezia – e riporta il Gruppo Generali nella sua originale casa veneziana. Fa parte di un più vasto intervento nell’area Marciana che Generali ha sostenuto con orgoglio e passione.
L’impegno e la visione includono anche la partecipazione al progetto di Venice Gardens Foundation sul restauro botanico dei Giardini Reali e il ripristino della Serra, dove si tiene la mostra all’interno dello spazio ‘The Human Garden’, con esposto
un modello in legno e in scala di una porzione dell’edificio delle Procuratie Vecchie, permettendo ai visitatori di ammirare alcuni degli interventi effettuati nei vari spazi.
Per approfondire: The Human Safety Net

Fogli e foglie al vento, Venezia – Beirut

12 Ottobre 2021: un ponte colorato di amicizia e solidarietà attraversa il Mediterraneo e unisce Venezia con Beirut. Nei Giardini Reali di Venezia per un giorno è stata ospitata la mostra “Fogli e foglie al vento, Venezia – Beirut” dell’Associazione Venezia Pesce di Pace in collaborazione con la Venice Gardens Foundation, nel programma di Venezia 1600 e del Festival Sviluppo Sostenibile.

500 bambini accendono i riflettori sulla Pace e sul Covid. Gli alunni per un anno intero hanno disegnato, a due a due e a distanza, nello stesso foglio di carta le loro città e la pandemia. Hanno iniziato i piccoli studenti veneziani e completato i coetanei beirutini. Con loro gli insegnanti, le famiglie, 14 artisti. I due temi del progetto che ha preso il via sui banchi di scuola in piena pandemia sono stati: “Venezia e Beirut, le nostre città” e “Noi a scuola con il Covid”.

7 le scuole elementari partecipanti. Venezia: Canal, Istituto Cavanis, Gallina, Istituto San Giuseppe Caburlotto, Zambelli; Cavallino–Treporti: Pascoli: Beirut: Istituto Notre Dame Du Mont Carmel – Fanar.

Adele Re Rebaudengo, presidente di Venice Gardens Foundation: “Bambini siamo felici di accogliervi! I vostri disegni sono straordinari, sono un messaggio di vita e di speranza. I Giardini Reali, amati dai veneziani e dal mondo, sono luogo d’incontro, di pensiero, di ricerca, di armonia e di cultura. I disegni realizzati da voi bambini di Venezia, Cavallino–Treporti e Beirut sono meravigliosi. Le vostre importanti visioni e i bellissimi sogni su carta punteggiano ora lo storico pergolato che attraversa i Giardini Reali accordandosi con magia alla fitta vegetazione, cascate colorate di gioia, amicizia, solidarietà con il mondo e la natura”.

Nadia De Lazzari, presidente Associazione Venezia: Pesce di Pace: “Sono passati 30 anni dal primo disegno fatto insieme, a distanza, da un bimbo di Venezia e di Sarajevo dove nel pieno della guerra sono andata 40 volte. Lo scorso anno, in piena pandemia, in mascherina rispettando tutte le regole, mi sono recata nelle scuole. E’ stato un progetto culturale impegnativo in un tempo difficile ma l’adesione e la collaborazione degli insegnanti e delle famiglie sono state fondamentali. Gli alunni hanno disegnato Venezia, Cavallino–Treporti, Beirut e il Covid. Nel retro del foglio hanno scritto messaggi commoventi invitando tutti alla prudenza e a vaccinarsi per poter ancora giocare e frequentare la scuola. Due piccoli studenti hanno sintetizzato: “Io e te abbiamo fatto un capolavoro. Questo non è un disegno, è un impegno per la vita. Grazie a tutti”.

Il progetto educativo internazionale, realizzato durante la pandemia a cura di Nadia De Lazzari con la collaborazione di oltre 30 insegnanti e dirigenti scolastici, è il frutto di un impegno lungo un anno scolastico durante il quale bambini di differenti culture hanno realizzato un ponte colorato da una sponda all’altra del Mediterraneo.

Con il patrocinio del Comune di Cavallino–Treporti e dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale, il supporto di APVInvestimenti e Fondazione Archivio Vittorio Cini.

Fogli e foglie al vento, Venezia – Beirut