Attività e ricerca

Il Progetto artistico culturale della Fondazione è volto ad abitare e ampliare, attraverso gli interventi degli artisti e dei ricercatori, il vasto concetto metaforico di ‘Giardino’. Un giardino da seminare con nuovi pensieri, visioni, suoni e con i linguaggi contemporanei. Un luogo di pensiero, un entrare silenzioso in cui trovano spazio la produttività e la contemplazione ricordando che la terra è una risorsa limitata che si può deteriorare e distruggere facilmente. Anche quel semplice “coltiva il tuo giardino”, con cui Voltaire termina Candide, si è trasformato alla luce dei nuovi processi di globalizzazione, inevitabilmente portatori di problemi urgenti per il nostro pianeta. Forse proprio da quel giardino a volte occorre ripartire per riflettere e ritrovare una coscienza adeguata ai processi di trasformazione del vivere contemporaneo.

Fotografare, documentare, raccontare. Tre azioni interconnesse
Gli artisti potranno qui produrre nuovi pensieri e nuove visioni per i Giardini, facendo emergere un’opera capace di restare “senza tempo” e “fuori tempo”.
Il progetto si fonda su tre azioni interconnesse: fotografare ogni traccia per averne memoria e restituirla al futuro; documentare il processo di trasformazione del luogo attraverso il loro restauro; raccontare il passato e traghettarlo nel presente.

Programmi di Ricerca
Iscritta all’Anagrafe Nazionale delle Ricerche del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, la Fondazione è impegnata nello studio, sviluppo e applicazione di programmi rivolti alla gestione sostenibile dei beni paesaggistici e ai relativi percorsi formativi.
In collaborazione con l’Università e Enti di Formazione e Ricerca, sono allo studio programmi rivolti alla ricerca botanica, scientifica e tecnologica.

Collaborazione con IUAV - Istituto Universitario di Architettura di Venezia
La Venice Gardens Foundation e l’Università IUAV di Venezia hanno stipulato in data 29 aprile 2015 un Protocollo di intesa volto alla collaborazione reciproca, al fine di sviluppare e promuovere la ricerca sui temi della progettazione del paesaggio e del giardino e in particolare della loro rigenerazione architettonica, estetica e ambientale nonché per l’organizzazione di seminari, giornate di studio, corsi di formazione ed esposizioni per sviluppare nuove conoscenze e monitorare lo stato dell’arte dei giardini veneziani. Inoltre, in riferimento al programma di Master in “Architettura del paesaggio e del giardino”, per la conduzione di attività didattiche e progetti di ricerca, incluse le tesi di dottorato.

Collaborazione con la LIPU - Lega Italiana Protezione Uccelli
Il ritorno degli uccelli della Laguna ai Giardini Reali

La Venice Gardens Foundation ha siglato nel 2017 un Protocollo di collaborazione con la LIPU per la realizzazione di un progetto specifico finalizzato alla restituzione della vita nei Giardini Reali di Venezia attraverso il richiamo degli uccelli della Laguna (che rappresenta una delle important birds area dell’Europa mediterranea per gli uccelli selvatici). Un luogo verde, aperto e armonioso, pensato per favorire la presenza dei piccoli uccelli nell’arco dell’anno (capinera, passera d’Italia, merlo, tortora dal collare, verzellino, codirosso spazzacamino, pettirosso, colombaccio). Una piccola oasi di uccelli residenti che potranno collocarvi i propri nidi e un punto di sosta per i migratori (balia nera, beccafico, luì grosso) che utilizzeranno i Giardini come “un’isola verde” nella quale trovare un momento di riposo e ristoro prima di riprendere il viaggio verso i quartieri riproduttivi centro-orientali europei.
L’installazione di mangiatorie e nidi artificiali a uso invernale, realizzati dai grandi architetti e artisti internazionali, permetterà la presenza di altri colorati ospiti (cinciallegra, cinciarella, passera mattugia, pigliamosche e codirosso comune) e l’implementazione del verde attirerà anche specie oggi del tutto assenti nei Giardini (picchio rosso maggiore e torcicollo).

Sarà un giardino anche per i più piccoli
Ogni attività della vita dei Giardini Reali sarà pensata anche per i bambini.